Specialisti del SorrisoSoprattutto all’inizio di un trattamento ortodontico con espansore palatale, può capitare che il paziente accusi dolori, o noti alcuni tagli sulla superficie della lingua.

È ciò che ci racconta Luigi, che si è rivolto agli Specialisti del Sorriso con il seguente quesito:

Mia figlia, 10 anni, ha messo l’espansore rapido del palato e dopo 8 giorni ha la lingua completamente segnata e tagliata dall’espansore. Ho notato la distanza tra la base dell’espansore (dove c’è la vite per l’allargamento) ed il fondo del palato di circa 1 cm. E’ corretta l’installazione dell’impianto? Sono normali le ferite sulla lingua ed un dolore alla base dell’orecchio? Grazie in anticipo per la risposta di Voi esperti.

Gli Specialisti del Sorriso rispondono come segue:

Capita che dopo l’applicazione di un espansore  la lingua presenti uno “stampo” con la forma dell’apparecchio. Di solito questo inconveniente non provoca disturbi e si risolve con la rimozione dell’espansore stesso.
Invece non è normale che si presentino delle ferite sulla lingua (lesioni con perdita di continuità della mucosa). In questo caso il dolore all’orecchio si spiega con l’interessamento delle stazioni linfonodali latero-cervicali.
Rispetto alla distanza tra apparecchio e palato non vi sono regole scritte. La convenzione è che l’espansore venga applicato più in alto possibile in modo che l’applicazione della forza coincida con il centro di resistenza dei denti.
Le infinite variabili anatomiche impediscono di dare una regola.
Non esiti a rivolgersi al proprio specialista in ortodonzia.