Gli Inca la sapevano lunga su come curare dolori ai denti, ma anche ascessi e ulcere con rimedi completamente erboristici. E’ quello che ha scoperto la fortunata antropologa e ricercatrice Francoise Barbira Freedman, che ha vissuto per un periodo di tempo con la tribù amazzonica dei Lamas Keshwa.

La Freedman si è trovata proprio in quel periodo a dover affrontare anche il dolore ai denti del giudizio, che ha curato masticando una pianta tropicale, l’Alcmella Oleracea nota anche con il nome di Crescione di Para.

Questo rimedio che si tramanda dall’antichità è diventato oggi un oggetto di studio da parte delle maggiori case farmaceutiche, ed addirittura il primo principio attivo studiato in Regno Unito. Se confermato nella pratica, l’utilizzo di questa pianta in gel o composti potrebbe sostituire un tradizionale antidolorifico in forma chimica, e addirittura soppiantare le iniezioni utilizzate in odontoiatria e chirurgia dentistica.