Si può mettere un piercing linguale nel caso di trattamenti ortodontici in corso? E’ la domanda che pone Agnese…

Vorrei fare un piercing alla lingua, in passato ho portato l’apparecchio ortodontico sia sopra che sotto per un morso aperto che ora ha recidivato a causa di un problema di deglutizione che non è stato ancora completamente risolto (nemmeno con la logopedia). Infatti ho dovuto riportare di nuovo l’apparecchio. Il trattamento sui senti superiori è finito, infatti devo indossare un bite di notte, mentre sui denti di sotto porto ancora ‘apparecchio per restringere un genesia dell’incisivo destro (non potendo fare l’impianto).
Tra circa un mese o due il trattamento sarà finito, ora la domanda che mi prende farvi è: potrei farmi un piercing alla lingua? Oppure c’è il rischio che i miei denti si “aprano di nuovo”? Questo rischio può essere evitato mettendo una barretta molto corta (diciamo aderente alla lingua) sul piercing?

Un piercing, se non entra in contatto con le apparecchiature ortodontiche, non crea diretti problemi al normale svolgimento della terapia.
Si deve invece prestare molta attenzione alle situazioni in cui il piercing o la sua base vengono in contatto diretto con i tessuti parodontali (le gengive) e/o la superfice del dente. Questi ultimi possono subire danni irreversibili che vanno da abrasioni a lesioni permanenti ai tessuti duri del dente, per arrivare a gravi lesioni dei tessuti parodontali con perdita della stabilità dell’elemento dentale.

La valutazione della reale pericolosità di un piercing deve essere fatta da uno specialista che sia in grado di analizzare la situazione da ogni punto di vista.