Allineamento dei denti, masticazione corretta, migliore estetica del proprio sorriso. Questi obiettivi sono raggiungibili spesso passando per un periodo di terapia con l’apparecchio ortodontico fisso. I pazienti spesso vivono con un po’ di disagio questa situazione, non solo per ragioni di tipo prettamente estetico, ma anche per una questione di comodità.
Infatti, l’apparecchio fisso complica, specialmente i primi tempi, la cura della propria igiene orale.
I fili in materiale metallico, gli elastici e gli attacchi o placchette (dette anche brackets) richiedono una maggiore attenzione, sia per quanto riguarda lo spazzolamento dei denti, che per l’assunzione di cibo.
Nulla da temere, ovviamente. Superato lo scoglio dei primi tempi, ci si abitua e, soprattutto, si giunge al traguardo voluto: una bocca in salute.
Il vostro ortodontista è la figura più accreditata per rassicurarvi sul da farsi riguardo a come prendersi cura del proprio apparecchio, sui cibi da evitare e sulle piccole attenzioni da prendere. Di seguito, vi proponiamo comunque un breve vademecum di cui tenere conto.

Cibi da evitare:

– caramelle, gomme da masticare
– pane particolarmente duro, dalla schiacciata, alla crosta della pizza
– frutta e verdura filamentose, i cui residui possono facilmente rimanere incastrati nell’apparecchio
– cibi appiccicosi, tipo il caramello
– biscotti duri
– cibi croccanti, come le patatine e i pop corn
– grasso animale, come quello del prosciutto crudo, e salumi a pasta grassa

E’ sconsigliato addentare i cibi duri e croccanti (mele, pane, carote): limitatevi se necessario a tagliarli a fette; stessa cosa vale per il mordere le penne e masticare a grossi bocconi. Tutto ciò potrebbe seriamente rompere o danneggiare il vostro apparecchio e, giocoforza, allungare la durata del trattamento.

Affidatevi, quindi, ai consigli del vostro ortodontista, e i benefici che ne ricaverete vi ripagheranno di gran lunga dei piccoli sacrifici compiuti durante la cura.