Quando si parla della relazione tra diamanti e denti si pensa subito alle singolari e appariscenti dentature di alcune star del mondo dello spettacolo, da oggi però sembra che i diamanti possano contribuire in modo rilevante alla cura di gravi problemi del cavo orale.

È ciò che emerge da uno studio condotto dai ricercatori dell’Università della California e del NanoCarbon Research Institute di Nagano e pubblicato sul Journal of Dental Research. Più che dei diamanti veri e propri, la ricerca ha evidenziato come la struttura purissima del carbonio, caratteristica dei nanodiamanti, cioè di minuscole particelle che si ricavano dalla detonazione dei diamanti, sia in grado trasportare i fattori di crescita favorendo una soluzione colloidale stabile e la promozione della rigenerazione ossea.

I nanodiamanti potrebbero nel futuro, essere d’aiuto anche in ortodonzia, nel trattamento di casi ortodontici/chirurgici complessi.