Il corretto sviluppo della nostra bocca non dipende solo dai processi di crescita, da fattori ereditari o genetici, ma anche da ciò che noi scegliamo di fare alla nostra bocca! Qualche esempio apparentemente innocuo?

Mordicchiare la penna, succhiare il ciuccio o il dito, e per i più grandicelli, mangiarsi le unghie, mordicchiare il labbro o posizionare in maniera inconsapevole la lingua tra le arcate. Tutte queste azioni fatte sovrappensiero agiscono come una specie di forza contraria che è in grado a lungo andare di influenzare in maniera negativa una corretta occlusione ed un sorriso armonico.


Ecco che si sviluppa una bocca caratterizzata da affollamento dentale, o da malocclusione, entrambi quadri clinici che, se non curati per tempo, renderanno difficile sfruttare appieno la funzionalità della propria bocca, e ne metteranno a repentaglio la salute: possiamo facilmente immaginare quanto sia più difficile pulire in profondità e accuratamente una bocca dove ci siano denti storti, rispetto ad una caratterizzata da un’armonica occlusione. E se ancora non siete convinti, chiedete un parere al vostro specialista in ortodonzia.