Mia figlia sedicenne da due anni ha un apparecchio ortodontico sia nella parte inferiore che in quella superiore, per malocclusione.
Inizialmente è stato preventivato che il problema si sarebbe risolto in un anno circa, ma a distanza di due anni la situazione non pare ancora risolta, vedo che la linea di divisione centrale dell’arcata superiore è molto fuori dal centro.
Inoltre per velocizzare e togliere tutto entro due mesi, pochi giorni fa sono state tirate parecchio le molle, per portare i denti verso il centro, e mia figlia soffre molto di dolori alla testa e all’ossatura della faccia oltre che alla dentatura, con leggera febbre. Potete darmi un consiglio su cosa fare?

> Risponde lo Specialista Asio

Ritengo debba richiedere al più presto un incontro con il collega che ha in cura la ragazza per avere chiarimenti e fare quindi il punto della situazione per quanto riguarda le tempistiche e il grado di avanzamento della terapia.
In merito alla dolorabilità che evidenzia la paziente, anche questa deve essere fatta presente tempestivamente all’ortodontista, al fine di poter eliminare il dolore e permettere un sereno proseguo della terapia.
Nel caso in cui non si riesca ad avere un chiarimento, il mio consiglio è quello di richiedere un consulto con uno Specialista in Ortodonzia per una verifica dello stato di avanzamento della terapia.